8 Dicembre 2020 Come di consueto di martedì, il giudice sportivo ha reso noti i nomi dei calciatori che salteranno il prossimo turno di Serie A per squalifica. Guardando in casa nostra invece, uno dei più bei soprannomi affibbiati ai calciatori italiani, è quello di Gigi Riva, denominato “rombo di tuono” grazie a Gianni Brera. Andando invece dall’altra parte del Tevere, nei giallorossi hanno militato, sul finire degli anni 90, due portieri sotto la gestione Zeman. Partendo dalla Serie A, ecco alcune origini dei soprannomi più popolari che esistano. Si portò il soprannome dalla sua Argentina, ossia El Jardineiro, in italiano il giardiniere. _________________________________________________________________. A Roma divenne Peter Pan mentre poi fu chiamato soprattutto Fantantonio! Alex Del Piero fu battezzato Pinturicchio da Agnelli per la sua capacità di dipingere traiettorie magiche col pallone. Questo sito mette a confronto i bonus offerti di alcuni bookmaker, tutti in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Basti pensare alla sua fuga per il Carnevale di Rio nel bel mezzo della corsa scudetto dei Viola, con Batistuta out per infortunio. Stessa sorte per Diego Pablo Simeone, per tutti Il Cholo, prima grande giocatore e poi grandissimo allenatore. Partiamo con gli argentini; Mauro Icardi, detto “El niño del partido”, per la sua caratteristica di essere decisivo, come successo recentemente nel derby. Uno dei più grandi marcatori in assoluto del calcio italiano, Pietro Vierchowod, veniva rinominato lo Zar per via delle sue origini russe. Il nomignolo  fu inventato dalla Gialappa’s Band in seguito ad alcuni suoi clamorosi errori sotto porta in un periodo di scarso rendimento. Infine Antonio Cassano, uno dei maggiori talenti, per lo più gettatosi via, del nostro calcio. C’è chi da rigorista aumenta esponenzialmente le sue possibilità di trovare un +3, chi calcia gli […] Il romanista Diego Perotti, “El Monito”, scimmietta per via del suo viso che vagamente la ricorda, e l’ex giallorosso Erik Lamela, “Coco”, come veniva chiamato da suo fratello quando era piccolo. SOPRANNOMI CALCIATORI JUVENTUS 2019 - 2020 - Duration: 1:46. Il servizio, come indicato dall’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), e’ effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità’. Christian Vieri era per tutti Bobo, fin da piccolino, tanto da sostituire quasi il suo nome di battesimo. Se pensi di avere problemi chiedi aiuto. Johann Cruyff era definito da Gianni Brera “Il Pelè bianco” o anche “Il profeta del gol” per via dell’immensa classe e della predisposizione a far segnare o a segnare lui stesso molti gol. Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Curiosamente, fu Francesco Totti a coniare il simpatico soprannome al dodicesimo della sua Roma! Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. E’ il momento dell’ultima carrellata. La collezione “Calciatori 2020-2021” è accompagnata dalla grande operazione “Calciatori Gol!”. Il Giardiniere, Scarface, Tarzan e non solo. Infine tre nomignoli di portieri passati per Roma, dove questa tradizione è molto usuale. A Firenze divenne Batigol, a Roma era maggiormente Il Re Leone mentre Totti lo chiamava Er Mitraglia per la nota esultanza. Walter Zenga, fin dalla giovane età, è stato “l’Uomo Ragno“. Visualizza altre idee su calciatori, roberto baggio, autogol. Quella di affibbiare soprannomi ai calciatori è sempre stata un’interessantissima abitudine, molto in vigore, ad esempio in Argentina ma trapiantata ormai costantemente anche in Serie A, specialmente nel corso degli anni 90. Un elenco ragionato, che ovviamente non può essere esaustivo, dei soprannomi affibbiati ad alcuni dei calciatori più popolari. La capigliatura bianca, fin dalla giovane età, fece si che Fabrizio Ravanelli divenne Penna Bianca. A Roma, il regista brasiliano Emerson divenne Il Puma per via del suo passo felpato. All’interno delle bustine è possibile trovare degli speciali buoni-premio con la scritta “Hai Vinto”, che consentono di ricevere subito in Il suo compagno di reparto, Demetrio Albertini, era semplicemente Il Metronomo per la grandissima abilità nel dirigere il gioco della squadra. A fine secolo, arrivarono nella Capitale anche Walter Samuel e Jonathan Zebina. Curiosamente, fu poi il primo italiano a militare in Brasile! Non un omaggio a un suo precedente lavoro, bensì ricordo di uno scherzo, riferito a quando aveva 17 anni e salì goliardicamente su un trattore, venendo immortalato in una foto. Rosa calciatori Juventus stagione 2020/2021 con presenze, reti, ammonizioni e statistiche Rosa calciatori Juventus serie A stagione 2020/2021 Calcio italiano dalla A alla D, giovanile e femminile Il suo vice, Antonio Chimenti (altro figlio d’arte) ricevette invece il meno soddisfacente appellativo di Zucchina per via della sua pelata. Scostante in tutta la sua carriera, oltre a indossare diverse maglie, ha cambiato molti nomignoli. Sempre restando a Milano, ma in casa Inter, l’altro storico capitano, Beppe Bergomi, era per tutti lo Zio fin dalla giovane età per via dei folti baffi che aveva a neanche vent’anni. Le auto dei calciatori di Serie A come molti pensano sono quasi tutte supercar da sogno e sportive di lusso.Il costo medio di queste macchine, personalizzazioni escluse, è … Ferenc Puskás era chiamato “Öcsi”, bambino, perchè debuttò giovanissimo nel Kispest. Calciatori Juventus 2020-2021: ecco la rosa completa e aggiornata di tutti i giocatori della Juventus FC. Attraverso la comparazione quote potrai individuare la quota più alta offerta dal set di bookmaker selezionato da noi oppure scelto da te come utente registrato. Massimo Agostini, attaccante con la valigia in mano nonchè ex giocatore di beach soccer, era Il Condor per la sua astuzia in area di rigore. Col passare degli anni, l’ex numero 1 di Parma, Brescia e Reggiana è sembrato quasi ringiovanire ma senza mai perdere il suo soprannome. E’ il caso, ad esempio, del milanista Massimo Ambrosini, denominato Arsenio Lupin per la capacità di rubare palla. Simpatico l’appellativo di “Nonno” dato a Marco Ballotta per via del suo aspetto da anziano, fin dalla giovane età. InfoBetting è, dalla fine del 1999, il punto di riferimento per gli appassionati di scommesse sportive in Italia e non solo. Filippo Inzaghi, soprattutto nelle notti europee, si trasformava in SuperPippo, il rapace bomber d’area di rigore. Ricorda però di scommettere responsabilmente. Qui iniziamo ad andare nella pura magia. I soprannomi hanno sempre affascinato gli amanti del calcio tanto che in alcuni casi ci si dimentica del vero nome, utilizzando solo il nomignolo nonostante spesso si trascura la provenienza. Soprannomi calciatori – Serie A Partiamo con gli argentini; Mauro Icardi , detto “El niño del partido” , per la sua caratteristica di essere decisivo, come successo recentemente nel derby. Edmundo, brasiliano dalla testa calda che in Italia si è visto con le maglie di Fiorentina e Napoli, era O Animal. L’austriaco Konsel, veterano dal rendimento altissimo e molto amato dai tifosi, divenne “Er Pantera”. Serie A 2020-2021, l'elenco dei calciatori diffidati e squalificati per le partite dell'undicesima giornata, che si giocano da oggi. La stazza fisica e l’abilità nel gioco aereo fecero si che Andrea Silenzi fosse ribattezzato Pennellone. Sbocciato nel Genoa e diventato grande nell’Inter, Diego Milito è chiamato “El Principe” per via della somiglianza con Enzo Francescoli, chiamato a sua volta col medesimo soprannome. Gianfranco Zola, invece, si vide attribuire il fantastico appellativo di Magic Box durante la sua meravigliosa militanza al Chelsea, dove divenne un idolo assoluto. 1/45 Dal Papu al Kun: perchè i calciatori hanno quei soprannomi? L’undicesima giornata di Serie A partirà stasera alle ore 20.45, con l’anticipo Sassuolo-Benevento. Ha avuto un passato nell’Atletico Madrid, ma ora segna per il Manchester City, Sergio Agüero è chiamato “El Kun”, per via di un cartone animato che guardava da bambino (Kum Kum il cavernicolo). Francesco Totti, invece, ha sempre dovuto combattere col nomignolo di Pupone, fin da ragazzino e non ha mai nascosto di non amarlo. Infine Maurizio Ganz, che ha vestito anche le prestigiose maglie di Inter e Milan. Arrivato alla Lazio, divenne presto La Furia Ceca per l’impressionante ardore che metteva in campo. Non meritavamo la … Poi Gabriel Omar Batistuta, il devastante argentino dal destro al fulmicotone e dalla grinta incredibile. Infine, chiudiamo con uno dei più grandi bidoni del nostro calcio: Fabio Junior. Non potevamo che partire da Ronaldo, o semplicemente Il Fenomeno, perchè in quegli anni nessuno era meglio di lui. !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src="https://platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs"); Al Picco uno scontro salvezza particolarmente delicato tra Spezia e Genoa, due squadre deluse dall'ultima giornata e che cercano sostanza in una partita che... Il gioco è vietato ai minori di anni 18 e può causare dipendenza. Ventura: “Andremo noi al Mondiale”, Dream Team del Pallone d’Oro, l’undici ideale di tutti i tempi (via alle discussioni), Argentina-Ecuador qualificazioni mondiali (venerdì, ore 02:10): formazioni, quote, pronostici, Calciomercato Inter: le verità di Piero Ausilio che non piacciono ai tifosi e…, Spezia-Genoa (23 dicembre ore 20:45): formazioni, quote, pronostici, Como-Livorno (mercoledì 23 dicembre, ore 15): formazioni, quote, pronostici, Lione-Nantes (mercoledì 23 dicembre, ore 21): formazioni, quote, pronostici, Arsenal-Manchester City (EFL Cup, martedì ore 21:00): formazioni, quote, pronostici, Roma-Cagliari (23 dicembre ore 20:45): formazioni, quote, pronostici. del 10 ottobre 2020 alle 10:00 60 Quest'anno il monte ingaggi delle 20 squadre di Serie A è sceso a 1 miliardo e 288 milioni di euro lordi , rispetto al miliardo e 360 milioni della scorsa stagione. © InfoBetting.com 1999 / 2020 - Tutti i diritti riservati. L’argentino Cruz, che ha vestito le maglie di Bologna, Lazio e Inter, si fece notare per la sua bravura nell’entrare a gara in corso. Javier Pastore, detto “El Flaco” ovvero il magro, per la corporatura esile. Da noi potrai trovare informazioni utili per elaborare le tue scommesse in modo consapevole. Delvecchio, invece, era Supermarco in occasione dei derby di Roma, dove timbrava regolarmente il cartellino. Sandro Tovalieri , invece, era conosciuto con l’appellativo di Cobra per la letalità negli ultimi 20 metri. Siamo al momento degli attaccanti e ai soprannomi dei meravigliosi finalizzatori della nostra Serie A degli anni 90. Infine, altri quattro appellativi in casa Roma, nati anche grazie al famoso speaker Carlo Zampa. LEGGI ANCHE: I TATUAGGI DEI CALCIATORI, SAPEVATE IL LORO SIGNIFICATO? Fantacalcio, i tiratori di punizioni e corner in Serie A Fantallenatori al lavoro: l'elenco di tutti i calciatori che possono portare bonus da calcio piazzato In aumento tensione ed adrenalina in vista dell'asta del Fantacalcio. Infine, ricorda sempre che infobetting.com è solo un portale informativo e non accetta scommesse! Un nomignolo in passato dato anche ad altri numeri 1 stranieri e che lo ha accompagnato per tutta la carriera. Tyson era invece il soprannome di Angelo Peruzzi per via del suo fisico possente, apparentemente non da portiere ma che lo ha consacrato come uno dei migliori interpreti italiani di sempre nel ruolo. Vasta anche la lista dei centrocampisti della nostra serie A di quei meravigliosi anni 90 con soprannomi particolari. Pasquale Luiso era per tutti il Toro Di Sora, perchè proprio con la maglia dei laziali diede il via alla sua importante carriera. Aggiornamento definitivo delle statistiche calciatori decisivi relative alla Serie A 2020/21 I MIGLIORI DELLE SEI BIG SONO GABBIA, INSIGNE, VERETOUT, CRISTIANO RONALDO, SANCHEZ E IMMOBILE Nome Utente Merito dei suoi inchini, simili a quelli dei toreri, dopo i gol segnati. Gazzetta ha pubblicato la lista completa dei giocatori di Serie A del Fantacalcio 2020-2021. Edgar Davids, invece, dopo essere stato definito Mela Mercia al Milan, riuscì a convincere tutti con la maglia bianconera, guadagnandosi l’appellativo di Pitbull per la sua grinta. Il sublime francese Zinedine Zidane era semplicemente Zizou, una storpiatura del suo nome! Doppio quello di Franco Baresi: il capitano del Milan era Piscinin da giovane, per una intuizione del massaggiatore. Moreno Torricelli fu prelevato dalla Juventus in Serie D e, fino a poco prima di firmare per i bianconeri, faceva il falegname. Tra le wags dei calciatori ci sono volti noti come Wanda Nara, moglie di Mauro Icardi. Le “Streghe” (o gli “Stregoni” riferito ai calciatori) sono il soprannome, ed il simbolo, del Benevento Calcio appena promosso in Serie A per la seconda volta nella sua storia. Manca poco al fischio d'inizio del campionato di calcio 2019-2020. Soprannomi calciatori – Nel mondo del calcio, come in ogni sport, i giocatori spesso e volentieri sono accompagnati da un soprannome attribuitogli da tifosi, compagni o stampa per caratteristiche uniche o qualità singolari. Anche quest’anno torna l’appuntamento di fine mercato estivo con l’analisi dei monte ingaggi della Serie A. Suo ex compagno nell’Atalanta, Maxi Moralez detto “El Frasquito”, come ci spiega Federico Buffa. - Sede legale: Via Vecchia, 9 - 64100 Teramo (TE) | E-Mail. Vari tipi di statistiche ti aiuteranno nelle scelte e se vorrai confrontarti con altri appassionati come te, attraverso il nostro famoso forum, troverai una solida community pronta a supportarti. Angelo Di Livio divenne Il Soldatino per la sua diligenza in campo e fuori quando militava nella Juventus. Il francese ex Cagliari, mai troppo amato, era invece la Gazzella per le sue ampie falcate. El Pipita, el Cholo, la Pulce: scopri i soprannomi dei calciatori. Stipendi Serie A 2020/2021 Atalanta stipendi Serie A 2020/2021 I più pagati sono Papu Gomez, salito a 2 milioni di euro (era a 1.8 lo scorso anno), seguito da Ilicic, Muriel e Zapata con 1,8. Il torneo è stato vinto dalla Juventus, al suo trentaseiesimo titolo, nonché il nono consecutivo. © copyright 2018 MondoCalcioNews.it | tutti i diritti riservati - Testata giornalistica aut. Con la maglia del Grifone ha giocato poco e niente, ma Lucas Pratto è detto “El Camello”, visto il suo stile di corsa un po’ ingobbito e l’altezza di 190 cm. Damiano Tommasi, invece, era l’Anima Candida del centrocampo della Roma. A Parma, invece, Marco Osio era conosciuto come Il Sindaco da tutta la tifoseria. Come sempre ci siamo basati sulla stime pubblicate recentemente dalla Gazzetta dello Sport, e in particolare delle variazioni degli stessi rispetto alla scorsa stagione (qui trovate la guida dello scorso anno). Quali sono ed il significato dei soprannomi dei calciatori più curiosi di sempre. L’idolo dei social Alejandro Gomez, detto “Papu”, diminutivo di “Papuchi”, come veniva chiamato da sua madre da giovane. Dario Hubner, devastante centravanti che arrivò tardi in serie A ma segnava a raffica, era Tatanka o Bisonte per via delle sue devastanti progressioni in contropiede. Calciatori di una classe immensa, che illuminavano i campi della nostra Serie A anni 90 e che si sono meritati soprannomi importanti. Ci mise poco, invece, Pavel Nedved a far capire all’intera serie A di che pasta era fatto. I soprannomi dei calciatori della Serie A dagli anni 90 al 2000! Novità A sostituire Lecce, Brescia e SPAL, retrocesse in Serie B nella stagione precedente, ci sono Benevento, vincitore della Serie B 2019-2020 e tornato nella massima serie dopo due stagioni d'assenza, Crotone, tornato anch'esso dopo due stagioni d'assenza, e Spezia, che ottiene la sua prima storica promozione in massima serie da vincente dei play-off. 4-lug-2020 - Esplora la bacheca "CALCIATORI SERIE A" di Max Gusti, seguita da 412 persone su Pinterest. Classifica Marcatori Serie A 2020/2021 Classifica marcatori del campionato di Serie A 2020/2021 aggiornata in tempo reale durante le partite. Altra bandiera nerazzurra, Javier Zanetti, veniva chiamato El Tractor per l’impressionante mole di lavoro svolta sul campo. Home > Serie A > I soprannomi dei calciatori della Serie A dagli anni 90 al 2000! L’argentino fu soprannominato The Wall per la formidabile fase difensiva che svolgeva. L’olandese Seedorf venne soprannominato Pantera, mentre Andrea Pirlo, proprio in quegli anni, divenne Il Maestro per la classe con cui interpretava il ruolo. I soprannomi dei calciatori, dalla Serie A al calcio internazionale, Foto Steindy (talk) | Licenza Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0), Inghilterra, Kane e Winks esclusi dalla rosa per le amichevoli con Germania e Brasile, Italia-Svezia si gioca anche sui Media. Cafu divenne Pendolino per via delle sue travolgenti discese sulla fascia. Aldair era semplicemente Pluto per tutti per la somiglianza col personaggio della Disney. Hanno avuto un passato nel nostro campionato, ma ora vestono maglie diverse. Un altro difensore che amava francobollare (e picchiare) gli avversari era Pasquale Bruno. Il soprannome Brujita (strega), invece Veron se lo portò direttamente dall’Argentina e lo mantenne nella sua lunga militanza italiana. La stella del Real Madrid Cristiano Ronaldo è conosciuto come CR7, ma non tutti sanno che in gioventù aveva tre soprannomi: “Abelinha“, piccola ape per via della sua imprevedibilità e capacità di far male in qualsiasi occasione; “Espaguete“, spaghetto come Di Maria, per via del fisico longilineo; “Llorón“, perchè da bambino piangeva ogni qual volta non riusciva a vincere una partita. Siamo ora ai difensori che hanno militato nella nostra serie A nel periodi degli anni 90 e ai loro soprannomi. Nel logo giallorosso, infatti, campeggia una strega in sella Seguono gli juventini Gonzalo Higuain , “El Pipita” , ereditato dal padre “El Pipa” , per via del lungo naso, e Paulo Dybala , “La Joya” , il gioiello, a causa del suo talento naturale. Per questo, Carlo Zampa, provò per un periodo a chiamato El Bimbo de Oro in omaggio a Maradona, che invece era Il Pibe De Oro. By Vittorio Cornacchia 19 Novembre 2020 Curiosità, Serie A 0 Comments Quella di affibbiare soprannomi ai calciatori è sempre stata un’interessantissima abitudine, molto in vigore, ad esempio in Argentina ma trapiantata ormai costantemente anche in Serie … Lo stesso presidente bianconero, per un breve lasso di tempo, lo chiamò anche Godot per pungolarlo dopo un piccolo periodo di flessione post infortunio. Il fuoriclasse Diego Armando Maradona era riconoscibile come “El Pibe de Oro”, il ragazzo d’oro a causa dell’immenso talento che aveva a disposizione. Super ingaggio (1,5) per il nuovo Per via dei suoi modi irruenti, era chiamato O Animale. Ruud Gullit, non proprio un trequartista ma un calciatore offensivo universale e straordinario, era il Tulipano nero in omaggio alla sua provenienza olandese e al colore della pelle. Il simpatico Attilio Lombardo, ex di Sampdoria, Juventus e Lazio, era per tutti quanti Popeye per via della somiglianza col noto personaggio dei cartoni animati. Calciatori storici ormai non più in attività, come “Ringhio” Gattuso, “Il Pendolino” Cafù, “Er Pupone” Francesco Totti, Walter Samuel soprannominato “The Wall” – … Il suo storico compagno di reparto, Alessandro Costacurta, divenne per tutti Billy, tanto da sostituire quasi il suo nome di battesimo. Quella che ci porta alla scoperta dei soprannomi dei centravanti stranieri della nostra serie A negli anni 90. Continuando con gli argentini del Genoa, Giovanni Simeone eredita il soprannome “Cholito”, dal padre Diego Simeone, noto come “Cholo”, che significa incrocio di razze in lingua azteca. Tribunale di Teramo n. 702 del 16/11/2020 - Direttore Responsabile Dante Bonfini - P.IVA: 02071880674. Prima era semplicemente il Pibe di Bari Vecchia. Sale l’attesa per gli Europei di calcio 2021 i quali sono stati rinviati a causa della loro impossibilità organizzativa per il 2020 a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus. Seguono gli juventini Gonzalo Higuain, “El Pipita”, ereditato dal padre “El Pipa”, per via del lungo naso, e Paulo Dybala, “La Joya”, il gioiello, a causa del suo talento naturale.